In questa guida spieghiamo come scegliere la migliore asse da stiro, così potrai portarti a casa un accessorio semplice da utilizzare e confortevole. Se hai deciso di acquistare questo accessorio, hai scelto di farlo proprio per semplificarti la quotidianità, dunque è importante scegliere un modello che sia in grado di soddisfare tutte le tue esigenze.

Ecco perché in questa guida ti forniremo tutte le informazioni più importanti da conoscere, passando in rassegna gli elementi decisivi ai fini della scelta.

Struttura dell’Asse da Stiro

Il primo elemento da analizzare, oltre che uno dei più importanti, è la tipologia di struttura dell’asse da stiro e quindi il modello. Sappi che sul mercato esistono diversi tipi di assi per stirare, e che ognuno di essi possiede vantaggi e svantaggi, che andremo ad analizzare qui di seguito.

Asse da stiro da tavolo
L’asse da stiro da tavolo è uno dei modelli meno costosi e meno ingombranti sul mercato. Come dice il suo stesso nome, si tratta di un’asse che è possibile sistemare su un tavolo o su una qualsiasi superficie piana. Ha il vantaggio di essere molto compatta e spesso possiede addirittura un gancio che ti consente di appenderla nell’armadio quando non la utilizzi. Di contro, questo modello è più piccolo rispetto agli altri, non ti permette di regolare l’altezza e viene pensato soprattutto per un uso in spazi angusti.

Asse da stiro a parete
Questi modelli di asse da stiro sono molto particolari, in quanto richiedono sempre l’installazione a muro, tramite dei ganci di fissaggio. Al pari del modello visto poco sopra, anche quelli da parete vengono progettati per l’uso in spazi stretti e in locali angusti. Posseggono però degli svantaggi piuttosto evidenti, soprattutto per via del fatto che, una volta montate, non possono essere poi sganciate dal muro. Inoltre, limitano la tua libertà di movimento intorno all’asse.

Asse da stiro pieghevole
In assoluto la tipologia di asse da stiro più diffusa nelle case degli italiani. Si parla di quel modello che vede l’asse montato su una struttura di tipo pieghevole, realizzata in metallo o in legno, che può essere chiusa e aperta a tuo piacimento. Queste assi sono molto versatili, leggere e di fatto non posseggono svantaggi.

Asse da stiro a scomparsa
i tratta del modello più costoso e prezioso, in quanto viene progettato per essere anche una componente di design, dunque per l’arredo della casa. In pratica, la struttura di quest’asse contempla la presenza di un vero e proprio mobiletto, che può essere aperto per consentire le operazioni di stirata. Quando poi non ti serve, l’asse può essere riposta al suo interno e il mobile usato per ospitare vasi e tanto altro ancora.

Mobilità e Dimensioni di un’Asse da Stiro

L’unico modello che non presenta possibilità di scelta in termini di mobilità è l’asse da stiro a parete, in quanto fissa sul muro. Al contrario, tutti gli altri modelli posseggono delle precise caratteristiche che influenzano questo aspetto insieme alle dimensioni, come per esempio l’altezza e la presenza delle ruote. Ecco gli elementi che dovresti tenere a mente, quando si parla di mobilità e dimensioni.

Altezza
L’asse da stiro ideale possiede un’altezza che porta la sua superficie al livello dei fianchi o dell’ombelico. Risulta essere importante per una questione di comodità durante l’uso di questo strumento, e risulta essere meglio che sia presente la possibilità di regolarla.

Ruote
Si consiglia di scegliere un modello dotato di ruote, visto che queste ultime facilitano di molto le operazioni di spostamento dell’asse. Bisogna specificare che è meglio scegliere delle assi dotate di ruote con rivestimento in gomma, per evitare di rigare il pavimento.

Meccanismo di chiusura
Esistono due tipi di chiusura, e si tratta del meccanismo in verticale e di quello a libro. Nel primo caso l’asse, una volta chiusa, si appoggia su due dei quattro piedi della struttura, e richiede dunque di essere sistemata aderente ad una parete per reggersi in piedi. Nel secondo caso si appoggia invece su tutti e quattro i piedini, ed è in grado di reggersi da sola.

Peso e resistenza
Le strutture in legno sono più pesanti e più difficili da spostare, mentre quelle in metallo risultano essere più leggere e mobili. Sono meno solide e stabili, però rispetto al legno non subiscono danni dal vapore acqueo.

Imbottitura e Piano di un’Asse da Stiro

Detto della struttura, adesso conviene concentrarsi sulla superficie del piano da stiro, la quale può variare in termini di dimensioni e di imbottiture. In genere si consiglia di scegliere una superficie lunga e ampia, in modo da potere stirare facilmente qualsiasi tipologia di indumento. In secondo luogo, meglio scegliere un modello con punta affusolata, per tendere gli abiti e stirarli in prossimità delle cuciture. Per quanto riguarda l’imbottitura, questa può essere di spessori diversi, e nei modelli economici è possibile che non sia nemmeno presente. Si consiglia di scegliere un piano con imbottitura spessa, per ottenere un risultato performante in fase di stirata.

Risulta essere altrettanto importante il tipo di telo di copertura in dotazione con l’asse, che va scelto in base a questi fattori.
Materiale
Risulta essere importante che sia permeabile e traspirante, e altre caratteristiche utili sono quelle termoriflettenti e antiaderenti. Il cotone, per esempio, è una delle soluzioni più consigliate.
Rivestimento interno
Meglio scegliere il feltro o la gommapiuma, perché si dimostrano ottimi per riflettere il calore senza deformarsi nel tempo.
Meccanismo di fissaggio
Una buona soluzione è il sistema con elastico sul bordo, mentre in alternativa è possibile optare per il fissaggio con le corde o con clip.

Risulta essere importante sottolineare anche il peso delle funzionalità rese disponibili da una certa asse da stiro, come le seguenti
Funzione riscaldante
Una funzione essenziale, perché permette di asciugare i vestiti evitando che questi possano assorbire il vapore acqueo prodotto dal ferro.
Funzione aspirante
Risulta essere un sistema molto utile, che aspira gli abiti permettendo loro di sistemarsi meglio sull’asse.
Funzione soffiante
Molto utile per certi tessuti come il lino o la seta, e funziona all’opposto di quella aspirante.

Pannello e Superficie per l’Appoggio

Un’asse da stiro potrebbe vantare la presenza di una serie di pannelli e superfici extra per l’appoggio di abiti e di accessori. Risulta essere naturale che questi accessori rappresentino un vantaggio importante, soprattutto in termini di comodità durante le fasi di stiratura, e questo include anche la presenza di eventuali bracci e ganci aggiuntivi. Nell’elenco degli accessori aggiuntivi più importanti troviamo i seguenti

Griglia per il ferro da stiro
Risulta essere la classica griglia che si trova alla base dell’asse, e che permette di sistemare il ferro liberando le mani.
Ripiano per abiti già stirati
Quando si stirano molti abiti, fa comodo poter contare su un ripiano pensato per sistemare quelli appena stirati.
Appendiabiti
La presenza degli appendiabiti è importante quando si stirano quei capi che è meglio non piegare, come una gonna o un pantalone elegante.
Braccio per stirare le maniche
Si tratta di una componente pensata per facilitare la stiratura delle maniche, utilissima quando si stirano ad esempio le camicie.
Prolunga
La prolunga, sempre estraibile, è davvero utile quando si necessita di una superficie maggiore per poter stirare le lenzuola.

Assi da Stiro più Vendute

Per concludere proponiamo una lista delle assi da stiro più vendute online in questo periodo con il relativo prezzo.

Cliccando sui prodotti presenti nella lista è possibile leggere le opinioni dei clienti.